andreacarrubba
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - Netti, 35, sits with the youngest of his 4 children on the base of one of the tombs adjacent to her refuge.

Netti, 35 anni, siede insieme al più piccolo dei suoi 4 figli sul basamento di una delle tombe adiacenti al suo rifugio.

1 / 19 ‹   › ‹  1 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
Netti, 35, sits with the youngest of his 4 children on the base of one of the tombs adjacent to her refuge.

Netti, 35 anni, siede insieme al più piccolo dei suoi 4 figli sul basamento di una delle tombe adiacenti al suo rifugio.

Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - Netti and her husband are building a shelter close to a tombstone, in the space between two rows of graves.

Netti e il marito stanno costruendo un riparo a ridosso di una lapide, nello spazio tra due file di tombe.
2 / 19 ‹   › ‹  2 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
Netti and her husband are building a shelter close to a tombstone, in the space between two rows of graves.

Netti e il marito stanno costruendo un riparo a ridosso di una lapide, nello spazio tra due file di tombe.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - At the base of a large cross, between two tombstones, a pillow and a blanket are the bed of Netti and her husband.

Alla base di una grossa croce, tra due lapidi, un cuscino e una coperta sono il giaciglio di Netti e suo marito.
3 / 19 ‹   › ‹  3 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
At the base of a large cross, between two tombstones, a pillow and a blanket are the bed of Netti and her husband.

Alla base di una grossa croce, tra due lapidi, un cuscino e una coperta sono il giaciglio di Netti e suo marito.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - The houses inside the cemetery are alternate with the tombs which, in fact, become an integral part of the slum.

Le abitazioni all'interno del cimitero si alternano alle tombe che, di fatto, diventano parte integrante dell’abitato.
4 / 19 ‹   › ‹  4 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
The houses inside the cemetery are alternate with the tombs which, in fact, become an integral part of the slum.

Le abitazioni all'interno del cimitero si alternano alle tombe che, di fatto, diventano parte integrante dell’abitato.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - An elderly person has been living alone, for over 20 years, in a house built with recycled materials, without water and without electricity.

Un anziano vive solo, da oltre 20 anni, in un'abitazione costruita con materiali di recupero, senza acqua e senza corrente.
5 / 19 ‹   › ‹  5 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
An elderly person has been living alone, for over 20 years, in a house built with recycled materials, without water and without electricity.

Un anziano vive solo, da oltre 20 anni, in un'abitazione costruita con materiali di recupero, senza acqua e senza corrente.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - All the houses in the cemetery were built with recycled materials, collected among the city's waste.

Tutte le abitazioni del cimitero sono state realizzate con materiali di recupero, raccolti tra i rifiuti della città.
6 / 19 ‹   › ‹  6 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
All the houses in the cemetery were built with recycled materials, collected among the city's waste.

Tutte le abitazioni del cimitero sono state realizzate con materiali di recupero, raccolti tra i rifiuti della città.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - Collecting recyclable waste, for resale, is one of the most common tasks among the inhabitants of the Bandung cemetery.

Raccogliere rifiuti riciclabili, da rivendere, è una delle mansioni più diffuse tra gli abitanti del cimitero di Bandung.


7 / 19 ‹   › ‹  7 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
Collecting recyclable waste, for resale, is one of the most common tasks among the inhabitants of the Bandung cemetery.

Raccogliere rifiuti riciclabili, da rivendere, è una delle mansioni più diffuse tra gli abitanti del cimitero di Bandung.


Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - In the absence of space, the more recent houses in the cemetery were built to support the tombs themselves.

In mancanza di spazio, le abitazioni più recenti del cimitero sono state costruite in appoggio alle tombe stesse.
8 / 19 ‹   › ‹  8 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
In the absence of space, the more recent houses in the cemetery were built to support the tombs themselves.

In mancanza di spazio, le abitazioni più recenti del cimitero sono state costruite in appoggio alle tombe stesse.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - Gunawan, 35, is walking across a row of graves to hang some clothes to dry outside his home.

Gunawan, 35 anni, camminando su una fila di tombe, stende alcuni panni ad asciugare fuori dalla sua abitazione.

9 / 19 ‹   › ‹  9 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
Gunawan, 35, is walking across a row of graves to hang some clothes to dry outside his home.

Gunawan, 35 anni, camminando su una fila di tombe, stende alcuni panni ad asciugare fuori dalla sua abitazione.

Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - Mr. Amat uses one of the tombs inside "his orchard" as a support surface.

Mr. Amat utilizza una delle tombe all'interno "del suo frutteto" come piano d'appoggio.
10 / 19 ‹   › ‹  10 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
Mr. Amat uses one of the tombs inside "his orchard" as a support surface.

Mr. Amat utilizza una delle tombe all'interno "del suo frutteto" come piano d'appoggio.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - An elderly man prepares dinner in his "kitchen", that is, on a stove placed on the stone surface of a tomb.

Un anziano prepara la cena nella sua "cucina", cioè su un fornello posto sulla superficie in pietra di una tomba.
11 / 19 ‹   › ‹  11 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
An elderly man prepares dinner in his "kitchen", that is, on a stove placed on the stone surface of a tomb.

Un anziano prepara la cena nella sua "cucina", cioè su un fornello posto sulla superficie in pietra di una tomba.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - In one of the village's main paths in the cemetery, some bags of recyclable waste were piled up near a grave.

In uno dei sentieri principali del villaggio nel cimitero, alcuni sacchi di rifiuti riciclabili sono stati ammassati in prossimità di una tomba.

12 / 19 ‹   › ‹  12 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
In one of the village's main paths in the cemetery, some bags of recyclable waste were piled up near a grave.

In uno dei sentieri principali del villaggio nel cimitero, alcuni sacchi di rifiuti riciclabili sono stati ammassati in prossimità di una tomba.

Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - The most luxurious house in Bandung cemetery, recently built, belongs to a woman who takes care of selecting, collecting and then reselling the recyclable waste collected by her and her collaborators.

L’abitazione più lussuosa del cimitero di Bandung, di recentissima edificazione, appartiene ad una donna che si occupa di selezionare, raccogliere e poi rivendere i rifiuti riciclabili raccolti da lei e i suoi collaboratori.
13 / 19 ‹   › ‹  13 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
The most luxurious house in Bandung cemetery, recently built, belongs to a woman who takes care of selecting, collecting and then reselling the recyclable waste collected by her and her collaborators.

L’abitazione più lussuosa del cimitero di Bandung, di recentissima edificazione, appartiene ad una donna che si occupa di selezionare, raccogliere e poi rivendere i rifiuti riciclabili raccolti da lei e i suoi collaboratori.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - Young inhabitants of the Bandung cemetery play among the graves, some quite recent, a few meters from their homes.

Giovani abitanti del cimitero Bandung giocano tra le tombe, alcune piuttosto recenti, a pochi metri dalle loro abitazioni.
14 / 19 ‹   › ‹  14 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
Young inhabitants of the Bandung cemetery play among the graves, some quite recent, a few meters from their homes.

Giovani abitanti del cimitero Bandung giocano tra le tombe, alcune piuttosto recenti, a pochi metri dalle loro abitazioni.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - A rather dense "band" of vegetation, grown between the graves, divides the small illegally inhabited area from the rest of the Bandung cemetery.

Una "fascia" di vegetazione piuttosto fitta, cresciuta tra le tombe, divide la piccola zona abitata abusivamente dal resto del cimitero di Bandung.
15 / 19 ‹   › ‹  15 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
A rather dense "band" of vegetation, grown between the graves, divides the small illegally inhabited area from the rest of the Bandung cemetery.

Una "fascia" di vegetazione piuttosto fitta, cresciuta tra le tombe, divide la piccola zona abitata abusivamente dal resto del cimitero di Bandung.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - The families of two brothers live in a house about 25 square meters in size: a total of ten people.

In un'abitazione grande circa 25 metri quadrati, vivono le famiglie di due fratelli: in totale dieci persone.

16 / 19 ‹   › ‹  16 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
The families of two brothers live in a house about 25 square meters in size: a total of ten people.

In un'abitazione grande circa 25 metri quadrati, vivono le famiglie di due fratelli: in totale dieci persone.

Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - Sectors of scrub hide some houses built close to the tombs and divide, in fact, the squatter settlements into small neighborhoods.

Tratti di boscaglia nascondono alcune abitazioni costruite a ridosso delle tombe e dividono, di fatto, gli abitati abusivi in piccoli quartieri.
17 / 19 ‹   › ‹  17 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
Sectors of scrub hide some houses built close to the tombs and divide, in fact, the squatter settlements into small neighborhoods.

Tratti di boscaglia nascondono alcune abitazioni costruite a ridosso delle tombe e dividono, di fatto, gli abitati abusivi in piccoli quartieri.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - Two young families, for a total of 4 adults and 6 children, live in a makeshift housing, built mostly with materials recovered from waste.

In un alloggio di fortuna, costruito per lo più con materiali recuperati tra i rifiuti, vivono due giovani famiglie, per un totale di 4 adulti e 6 bambini.
18 / 19 ‹   › ‹  18 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
Two young families, for a total of 4 adults and 6 children, live in a makeshift housing, built mostly with materials recovered from waste.

In un alloggio di fortuna, costruito per lo più con materiali recuperati tra i rifiuti, vivono due giovani famiglie, per un totale di 4 adulti e 6 bambini.
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia - A small resident of the Bandung cemetery plays with his kite on the roof of a tomb adjacent to his home.

Un piccolo abitante del cimitero di Bandung gioca con il suo aquilone sul tetto di una tomba adiacente alla sua abitazione.
19 / 19 ‹   › ‹  19 / 19  › pause play enlarge slideshow
Bandung City, Bandung Regency, West Java, Indonesia
A small resident of the Bandung cemetery plays with his kite on the roof of a tomb adjacent to his home.

Un piccolo abitante del cimitero di Bandung gioca con il suo aquilone sul tetto di una tomba adiacente alla sua abitazione.

The "invisible" slum of Bandung Cemetery - La slum "invisibile" del cimitero di Bandung




On the outskirts of a large city in Indonesia, Netti holds her baby in her arms.
She is sitting barefoot on the grave of an unknown man who died in the late 1970s.
35 years old and 4 children, he lives with his whole family in the Bandung Christian cemetery, a few steps from the Dutch memorial to the victims of the Second World War.
Under a concrete canopy - at the base of a large cross - an old mat, a pillow and a blanket are her bedroom and what surrounds it is what remains of her home.
Naaman Saiman and Mairah Saiman, buried three meters right under his bed, never thought they would have to share their last home with a family of strangers, and even alive. "I hope they didn't take it badly," Netti jokes, "but we really had no alternative."
Not even Netti imagined she would end up living in a cemetery but, since her husband lost his job and ran out of money, there was no choice but to look for land to squat and the holy field seemed the best solution. The rows of “inhabited” tombs alternate with large patches of vegetation which, year after year, nature has re-appropriated. Not many people pass by this cemetery and its generous size has allowed dozens of families to find refuge there.
In fact, in Indonesia, the largest Islamic democracy in the world, Christians are only 3% of the population and the cemeteries are often little frequented and in a state of semi-abandonment.
The Christian tombs then, due to their particular conformation, often offer large bases in concrete, stone or marble; walls to lean on and roofs to shelter under.
Thus in a country where almost 35 million people - according to a 2014 estimate - live in slums (ie in self-built slums on the outskirts of large cities, such as along rivers or along railways) also find a place to occupy that is "safe. ”, It is not at all simple.
Meanwhile, Netti's husband is completing a makeshift accommodation near a tombstone, where his children are already sleeping at night. He is a very silent man. Every day he recovers from the waste of the city materials to complete it: wood, asbestos panels, remains of advertising billboards and old metal sheets that he piles on a row of graves. A few meters from him the pot is already on the fire, at the foot of the tombs that he uses as a warehouse.
Inside the Bandung cemetery it is not known how many people actually live, there is no estimate. Homeless people who occasionally find refuge, but also the elderly and families who decide to build real homes.
Gunawan is 35 years old and lives, together with his brother's family, in a small building between two rows of graves. He is hanging clothes outside the house, on a wire secured to battered poles and walks on the tombstones to move from one end of his makeshift drying rack to the other. Ten live in a house they built with large concrete bricks, the roof is insulated with old cellophane and materials recovered from the waste. Inside, a small crowded room divides the two bedrooms, which are located opposite each other, where the two families stay. Reclaimed beams and bamboo canes support the sheets of the roof, old carpets cover the concrete of the floor and some pots hang on the walls. I find it very welcoming and for a few minutes I really forget that I am in a cemetery. Gunawan tells me that he does small jobs on call and, he continues to specify, his house is a temporary solution. He repeats it several times, as if he wanted to justify himself. Waste collectors, street vendors, unskilled workers: there are many who live below the poverty line and, thanks to the constant emigration from the countryside to the city, their number is constantly growing. But, despite everything, living in a cemetery is a taboo even in Indonesia and people hardly ever talk about it.
Mr. Amat, 74, asks me not to write about his past because he is afraid of being recognized in the present, of which he is a little ashamed. He has made an orchard inside the cemetery that he has fenced off like any private property and he spends many hours there every day, as if he were in his garden. Banana trees, aromatic herbs and ornamental plants: all strictly cultivated among the tombs.
Life, in the cemetery of the living, seems to flow as calmly as in any other place: children chase each other amused and their parents sip tea outside the home, accommodated in "their" small gardens. Tombs used as benches or tables, as kitchen shelves, as beds, as small houses, as warehouses or even as the foundation for a self-built house. Most of the buildings are quite close to each other, well hidden by the vegetation and away from the main entrance. Fear, despite everything, of isolating oneself in the cemetery; a strange form of respect for the dead or mere chance? Nature, more and more luxuriant, takes possession of spaces and bodies, I think to myself, as I look around in search of a path that hasn't existed for some time.
From the roof of a tomb a child holds tightly his kite that flies high in the sky.
Meanwhile, evening falls and the sun, which begins to hide behind the hills of Bandung, timidly illuminates the names engraved in the stone: the last fragments of lives, perhaps now forgotten.
Improvised makeshift homes give way to neat graves and reassuring white paths beyond the bush. A flower seller tidies up his shop near the Dutch memorial: there are no longer any visitors and it's time to go home.
The caretaker closes the gate that divides the city of the living from that of the dead.
The inhabitants of the cemetery, in their homes among the graves, are preparing to face yet another night in their "invisible" slum, where the address is a name on a tombstone and the view is certainly not the best.






Nella periferia di una grande città dell’Indonesia, Netti tiene in braccio il suo bambino.
È seduta, scalza, sulla tomba di un uomo che non conosce, deceduto alla fine degli anni ‘70.

35 anni e 4 figli, vive con tutta la sua famiglia dentro il cimitero cristiano di Bandung, a pochi passi dal memoriale olandese delle vittime della seconda guerra mondiale.
Sotto una tettoia di cemento - alla base di una grossa croce - una vecchia stuoia, un cuscino e una coperta sono la sua camera da letto e ciò che la circonda è quel che resta della sua casa.

Naaman Saiman e Mairah Saiman, sepolti tre metri proprio sotto il suo giaciglio, non avrebbero mai pensato di dover dividere la loro ultima dimora con una famiglia di sconosciuti, e per giunta in vita. “Spero che non l’abbiano presa male” dice scherzando Netti “ma non abbiamo avuto davvero alternativa”.
Neanche Netti immaginava che sarebbe finita a vivere in un cimitero ma, da quando il marito ha perso il lavoro e sono finiti i soldi, non è rimasta altra scelta che cercare un terreno da occupare abusivamente e il campo santo è sembrato la soluzione migliore. Le file di tombe “abitate” si alternano a grandi macchie di vegetazione di cui, anno dopo anno, la natura si è riappropriata. Non passa molta gente da questo cimitero e la sua estensione, così generosa, ha permesso a decine di famiglie di trovarvi rifugio.
In Indonesia infatti, la più grande democrazia islamica del mondo, i cristiani sono solo il 3% della popolazione e i cimiteri sono spesso poco frequentati e in uno stato di semi-abbandono.
Le tombe cristiane poi, per la loro particolare conformazione, spesso offrono grandi basamenti in cemento, pietra o marmo; pareti su cui appoggiarsi e tetti sotto cui ripararsi.
Così in un Paese dove quasi 35 milioni di persone – secondo una stima del 2014 – vivono nelle slum (cioè nelle baraccopoli autocostruite nelle periferie delle grandi città, come lungo i fiumi o lungo le ferrovie) anche trovare un luogo da occupare che sia “sicuro”, non è affatto semplice. 

Il marito di Netti, intanto, sta ultimando un alloggio di fortuna a ridosso di una lapide, dove di notte dormono già i figli. É un uomo molto silenzioso. Ogni giorno recupera tra i rifiuti della città materiali per completarlo: legno, pannelli di amianto, resti di cartelloni pubblicitari e vecchie lamiere che ammassa sopra una fila di tombe. A pochi metri da lui la pentola è già sul fuoco, ai piedi delle tombe che usa come magazzino.
Dentro il cimitero di Bandung non si sa quante persone vivano realmente, non esiste alcuna stima. Senzatetto che occasionalmente trovano rifugio, ma anche anziani e famiglie che decidono di costruirsi delle vere e proprie abitazioni.

Gunawan ha 35 anni e vive, insieme alla famiglia di suo fratello, in un piccolo edificio tra due file di tombe. Sta stendendo i panni fuori casa, su un filo assicurato a dei pali malconci e cammina sulle lapidi per spostarsi da un capo all’altro del suo improvvisato stenditoio. Abitano in dieci in una casa che hanno costruito con grossi mattoni di cemento, il tetto è isolato da vecchi cellophane e materiali recuperati tra i rifiuti. Dentro, una piccola stanza affollata divide le due camere da letto, che si trovano l’una di fronte all’altra, dove alloggiano le due famiglie. 
Travi di recupero e canne di bambù sorreggono le lamiere del tetto, vecchi tappeti ricoprono il cemento del pavimento e alcune pentole sono appese alle pareti. 
La trovo molto accogliente e per qualche minuto dimentico davvero di essere in un cimitero. 
Gunawan mi racconta che svolge piccoli lavoretti a chiamata e, continua a precisare, la sua casa è una soluzione provvisoria. 
Lo ripete più volte, come se volesse giustificarsi. Raccoglitori di rifiuti, venditori ambulanti, manovali: sono in tanti a vivere sotto la soglia di povertà e, complice la costante emigrazione dalle campagne alla città, il loro numero è in continua crescita. Ma, nonostante tutto, abitare dentro un cimitero è un tabù anche in Indonesia e la gente difficilmente ne parla. 

Mr. Amat, 74 anni, mi chiede di non scrivere del suo passato perché ha paura di essere riconosciuto nel sul presente, di cui un po’ si vergogna. Lui dentro il cimitero ha fatto un frutteto che ha recintato come qualunque proprietà privata e tutti i giorni ci passa molte ore, come fosse nel suo giardino. 
Banani, erbe aromatiche e piante ornamentali: tutte rigorosamente coltivate tra le tombe.
La vita, nel cimitero dei vivi, sembra scorrere tranquilla come in qualunque altro posto: i bambini si rincorrono divertiti e i loro genitori sorseggiano del tè fuori casa, accomodati nei “loro” piccoli giardini. Tombe usate come panche o tavoli, come ripiani da cucina, come letti, come piccole abitazioni, come magazzini o addirittura come fondamenta per una casa auto-costruita. La maggior parte degli edifici sono piuttosto vicini tra loro, ben nascosti dalla vegetazione e lontani dall’ingresso principale. 
Paura, nonostante tutto, di isolarsi dentro al cimitero; una strana forma di rispetto nei confronti dei morti o semplice casualità? La natura, sempre più rigogliosa, si riappropria degli spazi e dei corpi, penso tra me e me, mentre mi guardo intorno alla ricerca di un sentiero che non c’è più da tempo.
Dal tetto di una tomba un bambino stringe forte il suo aquilone che vola, alto, nel cielo.
Intanto scende la sera e il sole, che inizia a nascondersi dietro alle colline di Bandung, illumina timidamente i nomi incisi nella pietra: gli ultimi frammenti di vite, forse, ormai dimenticate.
Le improvvisate abitazioni di fortuna cedono il posto a tombe ordinate e rassicuranti vialetti bianchi al di là della boscaglia. Un venditore di fiori riordina la sua rivendita in prossimità del memoriale olandese: non c’è più nessun visitatore ed è tempo di rientrare a casa.
Il custode chiude il cancello che divide la città dei vivi, da quella dei morti.
Gli abitanti del cimitero, nelle loro case tra le tombe, si preparano ad affrontare l’ennesima notte nella loro slum “invisibile”, dove l’indirizzo è un nome su una lapide e il panorama non è certo dei migliori.
Link
https://www.andreacarrubba.com/the_invisible_slum_of_bandung_cemetery_la_slum_invisibile_del_cimitero_di_bandung-p23869

Share link on
CLOSE
loading